Era da tempo che speravo di trovare del tempo per riuscire a cambiare il look di questo sito.

danielepizzoni.it nel 2012

Una delle cose piacevoli della Rete è l’indipendenza del contenuto dal suo aspetto. Chi usa Wordpress, il famoso software open source che fa funzionare ormai quasi tutti i blog e moltissimi siti, sa quanto sia facile cambiare l’aspetto di un sito semplicemente applicando un tema predefinito e magari gratuito.

Mesi fa mi ero sbizzarrito a creare un tema originale e personale, un po’ per curiosità da programmatore (quella che ti porta a perdere un sacco di tempo per capire “come si fa”), un po’ per un’atavica diffidenza nei confronti delle soluzioni commerciali. Poi però ti rendi conto che se qualcuno fa una cosa di mestiere un motivo ci deve ben essere… e infatti creare un buon tema, o comunque curare la parte estetica di un sito, è una cosa molto complessa e laboriosa. Magari all’inizio pensi di aver fatto un’ottimo lavoro ma poi non puoi nasconderti che il portfolio lasci un po’ a desiderare…

Ho provato vari temi gratuiti, ma nessuno aveva le caratteristiche che mi interessavano. Ad esempio l’ottimo Twenty Eleven, pur essendo responsive non ha un modo semplice per creare un portfolio dei lavori. Oppure ci sono temi molto curati ma con una quantità di scelte e opzioni così esagerata da renderli inutilizzabili. Ma i migliori alla fine erano  sempre quelli in versione limitata-free come prova-teaser della versione a pagamento.

Mi sono messo quindi a esplorare Theme Forest, uno dei siti che offre vari temi di qualità a pagamento, finché ho trovato Super Skeleton ed ho deciso, bando agli indugi!, che era quello che mi serviva.